NATA BAMBINA

Sono una femmina. Sono nata femmina, ma nonostante questa da piccola giocavo sempre con i maschi. A me le bambole mi sono sempre state sulle scatole, nella mia camera prendevano polvere finché mia mamma si è decisa a raccoglierle e metterle in una scatola di cartone, in fondo all’armadio, dimenticate. A me piaceva salire sui […]

Read More NATA BAMBINA

SPESA AL SUPER?

Ieri sera sono andata a cena al supermercato, pardon, centro commerciale. Eh già, perché adesso si chiama così, siamo passati dal minimarket al multi centro commerciale mentre io continuavo a vivere la mia vita da cittadina mediocre. Mediocre. Perché a me queste novità non piacciono. Non perché io sia una “contro tecnologica”, ma semplicemente perché […]

Read More SPESA AL SUPER?

FINALMENTE!

Finalmente!!! Finalmente l’ho trovato! Facciamo un passo indietro. Una cosa è certa, non sono mai stato uno sportivo. Non mi piace il calcio, la boxe, le arti marziali, mi sono indifferenti il basket, il pattinaggio, gli sport invernali, con superficiale interesse guardo ogni tanto la pallavolo, gli unici sport che mi piace guardare ogni tanto […]

Read More FINALMENTE!

LUNGA LA STRADA, STRETTA LA VIA

Ogni viaggio che faccio mi regala qualcosa. Non sempre cose belle, sia chiaro, a volte sono esclusivamente imprevisti: fastidiosi, non voluti, di cui magari farei volentieri a meno. Ma. Il viaggio più bello della vita non l’ho ancora fatto, e forse non lo farò mai. Suvvia non voglio essere malinconica, vorrei solo sottolineare quante sorprese […]

Read More LUNGA LA STRADA, STRETTA LA VIA

IL MIO STIPETTO

Il mio stipetto si apre due volte al giorno, dal lunedi al sabato. Si apre la mattina, quando arrivo e fisso il suo interno per tutto il tempo di cui necessito per cambiarmi. C’è sempre un cambio pulito, le scarpe antinfortunistica, l’elmetto, c’è da anni una cintura che non uso mai sperando un giorno di […]

Read More IL MIO STIPETTO

Un genitore anomalo

Di certo devo essere un genitore anomalo. Nel mio passare dall’orsetto coccoloso che gioca, scherza, accarezza e bacia i suoi figli al peggiore tiranno dittatore che un figlio possa desiderare, mi guardo intorno a capisco che forse nonostante condanni l’ampiezza di questa forbice del mio carattere alla fine poi tanto male non sono. Mi pento […]

Read More Un genitore anomalo

Italiano, facciamo pace

Non ti capita mai d’incartarti e non riuscire ad uscire dalla buca per una serie indecente di consonanti consequenziali? A me capita spesso. Quando mi si attorciglia la lingua, chiudo gli occhi, faccio un respiro, arrossisco e poi. “Aspè, giro la ruota prendo qualche vocale e qualche consonante di scorta e riparto…” Bene, ma non […]

Read More Italiano, facciamo pace